La vinificazione in famiglia è una buona cosa, ecco le 3 generazioni delle cantine Livon


Facciamo un salto po 'indietro nel tempo - non tanto, solo 57 anni.


La nostra storia cominciò nel 1964, quando il sogno in cassetto di Dorino Livon si è finalmente realizzato quando acquistò sulla terra dei suoi antenati il primo pezzo di terra in Friuli-Venezia Giulia, nel nord-est dell'Italia, dove ha piantato vignetti. Nella regione si trovano il Collio ed i Colli Orientali del Fruili.

Già negli anni '70 anche i due figli di Dorino, Valneo e Tonino, "entrarono in scena” ed assunsero un ruolo sempre più attivo nella vinificazione. Negli anni Ottanta si orientarono sempre più verso una vinificazione di qualità e si avviarono alla ricerca di una zona di produzione per i loro vigneti selezionati. Inoltre, sono state introdotte restrizioni di resa, si è passati alla potatura corta e i vitigni vengono piantati più fitto.

Il loro logo, Donna Alata di Erte (Erté, l'angelo alato in stile art déco di Romain de Tirtoff), nasce nel 1985 per entrare nel mercato dei vini di qualità. Nel 1992 hanno ottenuto il permesso di ridisegnare l'angelo alato che rappresenta il numero cinque per formare la lettera "C" del Collio. Tra il 1995 e il 1997, la famiglia ha acquistato un ulteriori terreni, il più importante il Borgo Salcetino, in Toscana, l’antica fonte del Chianti Classico. Nel 2001 hanno acquistato la Fattoria Colsanto nel comune di Begana in provincia dell'Umbria nella patria della DOCG Montefalco.


Oramai nell'azienda di famiglia è coinvolta anche la terza generazione, Matteo Livon.

Nel 2014, nel quadro di un'importante evento si è commemorato il 50esimo anniversario








della fondazione della cantina, all’occasione di cui l'angelo alato del logo è stato ridisegnato in numero cinque e dopo di esso è stato scritto uno zero.


Nel frattempo, nel 2008, è stata aperta come "attività secondaria" l'antica Locanda Villa Chiopris, da loro ristrutturata, dove si svolgono degustazioni di vini e altri eventi, che è anche un piccolo ma estremamente elegante albergo.

Collio


La parola stessa significa "collina" in italiano. Questa zona chiamata Collio a forma di mezzaluna si estende tra l'Austria e la Slovenia lungo il mare Adriatico. L'effetto dei correnti caldi marini arrivando dal sud ci si mantiene facilmente esercitabile, in quanto protetto dalle correnti d'aria fredda delle Alpi Giulie. Il terreno del Collio è costituito substrati di marne stratificate e pietre arenarie, il risultato della simbiosi del suolo e del mare conferisce al vino una caratteristica unica. Questi vini sono stati certificati DOC nel 1968. I vini prodotti in Collio sono prodotti in due diverse cantine - vini dalle vigne selezionate, compresi i vini bianchi della linea „Cru” nella cantina "Masarotte", mentre nella cantina "Venco" nascono i vini rossi della famiglia dei vini Classici.

I vini prodotti qui rappresentano altrettanto sia Collio che Colli Orientali del Friuli. L'assortimento è davvero impressionante: Friulano, Sauvignon Blanc, Pinot Grigio, Chardonnay e Pinot Bianco. Qui si producono anche i vini della linea Cru: Manditocai, Soluna, Solarco, Braide Grande, Ribolla Grianda. La categoria Gran Cru è rappresentata solo da tre vini: Braide Alte, Cumins e Casala Godia.

Il Braide Alte è il vino di punta del Collio, tipicamente una miscela di Chardonnay, Sauvignon blanc, Picolit e Moscato Giallo. Questo vino rappresenta i vigneti più apprezzati della famiglia Livon.

Valneo produce anche aceto balsamico di alta qualità, utilizzando il metodo Solari utilizzato per fare lo sherry.


Borgo Salcetino


Borgo Salcetino nasce nel 1996 a Radda fondato dalla famiglia Livon. Questa zona si trova proprio nel mezzo dei vigneti che forniscono la materia prima per il Chianti Classico in Toscana. La famiglia ha piantato viti finora su 15 dei 30 acri che possiede.

Questa cantina produce tre vini: Chianti Classico, Chianti Classico Riserva noto come Lucarello (95% sangiovese e 5% canaiolo secondo la DOCG) e Rosario, una miscela di merlot e sangiovese.


ColSanto


La famiglia Livon ha deciso di fare un vino ancora più importante di prima, scegliendo il sagrantino di Montalfalco, in Umbria. In una zona di produzione denominata ColSanto sono stati impiantati 20 ettari per produrre tre vini. Uno è il Montefalco Sagrantino (fino al 2009 nominato Sagrantino di Montefalco), il secondo è il Montefalco Rosso, che è una miscela di sagrantino e sangiovese, e infine il Ruris, che è il risultato di una miscela di sagrantino, sangiovese e merlot.


La collina su cui si trovano i vigneti di CalSanto offre una magnifica vista su Assisi, Spellora e Montefalcora. La vinificazione avviene al piano terra dell'edificio dedicato alla lavorazione del vino, ma qui si svolgono anche degustazioni. Al piano superiore funziona una pensione di sei stanze.

In sintesi, i vini LIVON sono realizzati in 3 linee di prodotti. La prima è la "Linea Collio", i cui vini sono composti dalle seguenti varietà: fruilano, sauvignon blanc, pinot grigio, chardonnay, pinot bianco, traminer aromatico (fragrante tramini) e müller thurgau (Rieslingsilvani).


I vini della categoria "Linea Cru" sono prodotti dai seguenti vitigni: tocai friulano, malvasia, friulano e ribolla gialla, pinot grigio, sauvignon blanc, ribolla giolla e cabernet sauvignon.

E infine, dietro i vini che ci tengono tanto al cuore, la "Linea Gran Cru", troviamo varietà chiamate chardonnay, sauvignon, picolit, moscato giallo, merlot, schiopettino e verducco friulano.


In Ungheria BalliVini è l’importatore dei vini Livon. Nel negozion (ed online nel webshop) possiamo acquistare attualmente i seguenti quattro vini:

1. Il Pinot Grigio DOC Villa Chiopris è un vino bianco secco.

2. Il Sauvignon DOC Villa Chiopris è anche questo un vino bianco secco.

3. Anche la Ribolla Gialla IGT Villa Chiopris è un bianco secco.

4. Chianti Classico DOCG Borgo Salcetino è un splendide rosso di cui già ci racconta tutto.


I vini Livon sono esportati quasi ovunque nel mondo, ma si esportano molto negli Stati Uniti. Non dovremmo essere sorpresi, poiché Gamini Rosso - una delle più prestigiose guide enologiche italiane - ha assegnato tre volte il punteggio di "Tre Bicchieri" a vini Braide Alte e Chianti Classico Borgo Salcetino. Il sistema conferisce un bicchiere per "buoni vini", due bicchieri per "ottimi vini" e tre bicchieri per "vini straordinari"!


Autore: Dr. Hruby József

Tradotto dall'ungherese da Ilona Dávid


LEGGI QUESTO ARTICOLO IN UNGHERESE

OLVASD A CIKKET MAGYAR NYELVEN


Le illustrazioni sono estratte da: http://www.livon.it/

© 2017 - 2020 Promo Digital, 1077 Budapest, Izabella utca 3/A 
                   Adószám: 56656707-1-42  Webmaster Ilona Dávid

     ADATVÉDELMI NYILATKOZAT

FELHASZNÁLÁSI FELTÉTELEK

COOKIE POLICY