Le molte anime dell’Italia a tavola ovvero „Mangiare all’Italiana" XI.


Carne, pesce

L’ uso delle carni in Italia, salvo eccezioni legate ad abitudini alimentari locali, non ha quella preminenza assoluta che troviamo in altri paesi come Francia, Germania, Inghilterra e nell’ Ungheria, ma di solito il ruolo di protagonista è condiviso con altre vivande: cereali, legumi, verdure.

La cucina italiana va concepita sopratutto in termini di leggerezza ecco che sulle tavole degli italiani troviamo sopratutto carni chiare: di vitello (tipiche le scaloppine nei diversi modi, saltinbocca alla romana, arrosti con o senza verdure ecc.) oppure carni bianche di pollo, faraona, coniglio, tacchino, meno di suino magro, poi carni di agnello, capretto al sud; anche qui si vede la tradizione storica: al nord carni bovine- suine, al sud carni ovine.

Infine, ma non meno importanti i crostacei ed il pesce di mare e/o di fiume che storicamente legati solo all’uso secondo i precetti religiosi, ormai, salvo rare eccezioni, la fanno da padrone in tutte le occasioni importanti e non solo il venerdì.

Parlare delle migliaia di modi in cui è cucinato il pesce nelle diverse regioni italiane, sopratutto al sud richiederebbe una trattazione a parte per cui la tralascio, ma è emblematico del lavoro e della fantasia del popolo italiano: crostacei e pesce di magro sì, ma elaborati e cucinati per dare gusto e piacere!

Mit jelent “Olaszosan étkezni” és hànyféle olasz lelket làtunk az asztalnàl XI.

Húsok és halfélék

Folytatnád a cikk fordítását? Fejlesztenéd az olasz tudásod?

Klikk ide!


FELHASZNÁLÁSI FELTÉTELEK

© 2017 Eu-Project Bt. 1081 Budapest, Bezerédi utca, 19; Adószám: HU25800474; Cg: 01-06-791333